Carissimo don Franco “pluriparroco”. Voglio ringraziarti del tuo aiuto e dell’animazione fatta ad Induno: il Signore ti ricompenserà.

Da oltre 3 mesi sono rientrato in Ecuador con la sorpresa che mi hanno caricato di una buona responsabilità: responsabile delle opere missionarie nazionali. Ci avviciniamo al “MESE MISSIONARIO” che quest’anno ha delle tinte proprie. Sarà un mese “Straordinario” perché l’ha proposto così Papa Francesco e poi quell’altro avvenimento che in America Latina è eccezionale: il Sinodo dell’Amazzonia. Sono 2 avvenimenti che ci devono spingere ad allargare i nostri orizzonti oltre le 4 mura in cui viviamo. Per noi missionari e che viviamo in Sudamerica, è un tempo di Grazia. Anch’io lo vivo così visto che, dopo 12 anni a Guayaquil in riva al mare, con caldo torrido e dove è tutto piano, mi hanno chiesto un servizio particolare a Quito, la capitale a 2.850 m. , freddino e circondato da picchi innevati delle Ande. Non è facile un cambio così radicale a 66 anni ma lo vivo con entusiasmo, come un invito del Buon Dio a rinnovarmi e accettare una sfida audace quale è una animazione in tutto il territorio nord dell’Ecuador. Se volete un’immagine può aiutare questa: Se tu comperi un bulbo di tulipano e lo prepari per la prossima primavera, non sei tu a metterci il colore ne’ ve lo mette il commerciante che te lo ha venduto. Ma il suo colore e gia dentro il bulbo. La natura lo ha “pensato” in quel modo. Tu hai solo la gioia di vederlo spuntare, crescere e fiorire secondo la sua vocazione, nel suo colore innato.

Certo, è affidato alle nostre abili mani e lo dovremo mettere sul balcone, con il sole e l’acqua in modo giusto. II miracolo lo farà lui. Noi siamo solo servitori di quella “vocazione”, di tale dignità.

Così mi sento io: scopro che Dio mi ha preparato e voluto per essere animatore alla missione e la vivo in pienezza.

Ciascuno è chiamato a divenire quello che già è nel suo cuore. Ad esprimere il suo colore. Ma va aiutato e favorito. Da solo, non posso farcela, per questo chiedo anche il tuo sostegno, aiuto e preghiera. Buon MESE MISSIONARIO. Saluti alle comunità di Induno. P. Enzo Balasso